Giu 24, 2015 - Senza categoria    No Comments

WhatsApp mi ha rovinato la vita…

Ok, non so voi, ma io ho un serio problema con Whats App!

Whatsapp-doppia-spunta-blu-eliminare-togliere-android

Perchè? Perchè grazie a questa comodissima ed utilissima chat ho capito di essere diventata una maniaca del controllo. Prima mandavi un messaggino al tipo che ti piaceva ed al massimo speravi che lo leggesse prima o poi .. magari entro la giornata … e gli unici dubbi erano : o ha il cel spento o non ha credito o sta pomiciando un’altra. Dubbi semplici, lineari e razionali per una le cui ansie sono iniziate già a 14 anni… e invece no… è arrivata l’App con le notifiche …

Da quando puoi controllare a che ora si è svegliato, a che ora ha letto o visto il tuo messaggio… da quanto ha letto il messaggio senza risponderti ecc… sembro una specie di psicopatica nevrotica! Sempre li a controllare quelle maledette spuntine blu .

E le mie ansie crescono come un’immensa BigBubble rosa o meglio grigia … ed il cervello si arrovella e mille scenari si aprono alla telecamera dei miei film mentali… poi arriva quel momento … quell’unico momento di lucidità che ti fa guardare riflessa nel visore e la vedi… vedi la psicopatica che ti guarda fissa negli occhi .. i tuoi stessi occhi e per un attimo realizzi che è tutto tempo di vita rilassata sprecato, che non serve a nulla sapere se ha letto o se risponderà a te o sta chiacchierando con un’altra . Ti rendi conto che magari anche lui ( nel mio caso ) o lei hanno una vita ,  che magari stanno lavorando o facendo la doccia o dormendo o solo giocando a fare i ficoni e se la tirano…. tutte ipotesi che il tuo cervello registra come probabili e giustificate e stai per calmarti e metetre giù il telefono, ma poi … poi entra online e passano quegli interminabili secondi di attesa … aspetti, guardi … scriverà? e va offline … e crolli di nuovo nelle vesti di psycho ….

Baci

Una Cinica Ottimista

 

 

WhatsApp mi ha rovinato la vita…ultima modifica: 2015-06-24T11:47:29+02:00da cinicaottimista
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento